Fiba
 
   
   
home | cerca | posta | delega iscrizione | registrazione | Clicca per scaricare il feed            
torna | newsletters FIBA | gestione
Informazioni e Comunicazioni > Tutti > Tutti

Comunicato Stampa

Documento pubblicato da:

FIBA Nazionale

data:                      

03/10/2009

TREMONTI BOND

INCONTRO MINISTERO ECONOMIA PARTI SOCIALI


      CRISI: BONANNI- BANCHE RICAPITALIZZATE ASSUMANO RUOLO SOCIALE
Roma 5 marzo- Ufficio Stampa Cisl - Nel corso dell’incontro tenuto al Ministero dell'Economia tra Governo, associazioni imprenditoriali, Abi, e sindacati confederali, dedicato alla gestione dei Tremonti Bond ed alla ricapitalizzazione dei principali gruppi bancari, Raffaele Bonanni, Segretario Generale della Cisl ha sostenuto " l’esigenza di uno scambio sociale tra sostegno pubblico alle banche e responsabilità sociale delle aziende di credito, che deve tradursi in una offerta di credito alle imprese, a tassi e condizioni vantaggiose, soprattutto alle micro e alle piccole imprese con particolare attenzione al Meridione e alle aree del paese più colpite dalla crisi.
"I dieci miliardi di ricapitalizzazioni delle banche", ha aggiunto Bonanni, "potranno trasformarsi, secondo i principi di stabilità previsti dalla normativa, in centocinquanta miliardi di euro di credito all’economia, un flusso di risorse anticicliche significativo se efficacemente finalizzato".
Secondo il leader della Cisl, "la manovra anticiclica deve essere potenziata dallo sblocco immediato degli investimenti infrastrutturali già stanziati e dal potenziamento degli ammortizzatori sociali anche per i precari."
Perché l’operazione realizzi le sue potenzialità- ha concluso Bonanni, è necessario che il protocollo di intenti previsti dal Governo sia sottoscritto non solo dall’Abi ma anche dalle altre associazioni imprenditoriali e dai sindacati confederali".
Anche il Segretario Generale della Fiba Cisl, Giuseppe Gallo, intervenuto all'incontro, ha sostenuto in riferimento al “codice etico” al quale il Governo subordina la sottoscrizione dei Tremonti Bond, la necessità di una sua sottoscrizione da parte del Governo, dell’Abi, delle associazioni delle imprese e dei sindacati confederali, sottolineando l’esigenza di un limite alle remunerazioni ed ai sistemi di incentivazione del top management e richiedendo la garanzia della stabilità dei livelli occupazionali nelle banche ricapitalizzate e l’impegno a non esternalizzare lavorazioni al di fuori dei confini nazionali per la durata del sostegno pubblico. Alla banche, ha concluso Gallo, chiediamo un allargamento del modello di governo delle imprese attraverso la partecipazione dei rappresentanti di tutti gli interessi in gioco a partire dai lavoratori, secondo principi di democrazia economica"


 

  Scarica l'allegato:

 CRISI.doc